Incidente vascolare cerebrale nei gatti

Un “ictus” è un termine comunemente applicato alle persone che hanno subito un incidente cerebrovascolare, comunemente abbreviato in CVA, causato da una malattia vascolare cerbrale. Un tempo si pensava che fosse molto raro nei gatti , ma ora non più.

Un ictus è causato dalla rottura dell’afflusso di sangue al cervello che si traduce in una mancata trasmissione degli impulsi nervosi dal cervello al resto del corpo.

Si sviluppano sintomi neurologici che possono essere temporanei o permanenti. Se i sintomi persistono per oltre 24 ore, la condizione è classificata come un ictus. Se i sintomi persistono per meno di 24 ore, l’evento è classificato come attacco ischemico transitorio o “TIA”.

Esistono due tipi di tratti. Loro includono:

  1. Ictus emorragico: questo tipo di ictus deriva da emorragia (sanguinamento) all’interno o attorno al cervello. Questo sanguinamento può essere causato da tossine come veleno per topi, anomalie vascolari e tumori cerebrali secondari, pressione alta (ipertensione), malattia infiammatoria dei vasi sanguigni (vasculite).
  2. Ictus ischemico – Ischemia è un termine che significa che vi è un insufficiente afflusso di sangue a una parte del corpo o dell’organo. Pertanto un ictus ischemico risulta da un blocco del flusso sanguigno al cervello. Questo può essere causato dalla migrazione dei parassiti (Cuterebra), dalla migrazione delle cellule tumorali al cervello, dall’ipertensione arteriosa (ipertensione) secondaria a ipertiroidismo, cardiopatia o malattia renale cronica.
Leggi anche:  Cosa devono sapere i padroni riguardo a un'infezione renale nei gatti

Segni di un ictus nei gatti

Qualunque sia il tipo di ictus di un gatto, i sintomi che si sviluppano sono determinati dalla quantità di tessuto cerebrale implicata, dalla gravità e dal punto in cui il sanguinamento o il blocco sanguigno si trova nel cervello. I possibili segni di ictus nei gatti includono:

  • Stato mentale alterato per es. disorientamento
  • Girare in una direzione
  • Cadere da un lato
  • Testa che trema
  • Inclinare la testa da un lato o dall’altro
  • Camminare inciampando come un ubriaco
  • Debolezza
  • Incoordinazione
  • Non usare le gambe normalmente (a volte su un lato del corpo)
  • rotolamento
  • Dimensioni diseguali della pupilla e / o riflessi anormali dell’occhio
  • Letargo
  • Convulsioni
  • Coma
  • Morte

Diagnosi di ictus nei gatti

L’ictus nei gatti può colpire molto improvvisamente. Un punto molto importante è che molti padroni possono scambiare un ictus per una condizione diversa chiamata malattia vestibolare.

Altri disturbi che provocano segni simili agli ictus includono infezioni dell’orecchio interno, carenza di tiamina, trauma cranico, polipi dell’orecchio medio, cancro dell’orecchio medio, tumori cerebrali e / o tossicità da metronidazolo (antibiotico).

Sono necessari diversi test diagnostici per determinare la presenza di una malattia o causa sottostante dell’ictus e per distinguere tra altri disturbi che possono influire sul sistema di equilibrio del corpo.

Leggi anche:  Cosa significa un cuore allargato per i gatti?

I test possono includere:

  • Un esame neurologico completo e un esame completo del condotto uditivo
  • Gli esami del sangue – un esame emocromocitometrico completo (emocromo o emocromo)
  • Test biochimici sierici per valutare la glicemia, la funzionalità epatica e renale e gli elettroliti
  • Il test della tiroide per valutare l’ipertiroidismo
  • Analisi delle urine per aiutare a valutare la funzionalità renale
  • I tempi di coagulazione del sangue (PT e PTT) possono essere raccomandati se vi è il sospetto dell’esposizione a tossine come il veleno per topi
  • Pressione sanguigna da valutare per l’ipertensione
  • Le radiografie (radiografie) del torace e dell’addome possono essere raccomandate per valutare le principali malattie che colpiscono il cuore, i polmoni o gli organi addominali
  • Valutazione cardiaca: nei casi in cui si sospetti che il cuore sia il problema sulla base dell’esame obiettivo e delle valutazioni iniziali, può essere raccomandata una valutazione cardiaca che includa un ecocardiogramma (ecografia del cuore) e un elettrocardiogramma (ECG)
  • Altri test diagnostici possono essere raccomandati sulla base dei risultati della storia, dell’esame obiettivo e dei test di laboratorio iniziali come il midollo spinale, la TC, la risonanza magnetica o le radiografie del cranio.

Trattamento di ictus nei gatti

Il trattamento per i colpi di ictus nei gatti è in gran parte di supporto. Le prime 24 ore sono più difficili in quanto i sintomi sono peggiori, a condizione che non vi sia una progressione.

Leggi anche:  La comprensione dell'olio CBD per gatti

La gestione sarà raccomandata per trattare eventuali condizioni sottostanti. Per esempio:

  • Farmaci per la pressione sanguigna per trattare l’ipertensione
  • Farmaci per il cuore per il trattamento della cardiopatia sottostante
  • Farmaci per la tiroide per il trattamento dell’ipertiroidismo
  • Mantenimento dell’idratazione con la fluidoterapia
  • Incoraggiare un’alimentazione adeguata
  • Ossigenoterapia per migliorare l’erogazione di ossigeno
  • Assistenza infermieristica necessaria per mantenere gli occhi lubrificati, animali rotanti che non si spostano da un lato all’altro, pulizia costante delle urine e delle feci e / o ambiente caldo per fornire un comfort ottimale.

Alcuni gatti possono riprendersi completamente dal incidente vascolare cerebrale mentre i altri avranno anomalie neurologiche permanenti. La prognosi dipende in gran parte dalla causa sottostante e dalla capacità di trattare adeguatamente tali cause.

Assistenza domiciliare e prevenzione

Chiama subito il veterinario se il tuo animale domestico mostra segni di ictus. Questa è un’esperienza spaventosa per il tuo gatto, quindi parla tranquillamente etranquillizzalo. Assicurati che non si ferisca e per favore assicurati di non farti mordere. I gatti che hanno paura o dolore possono mordere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *