Queste malattie del gatto possono essere prevenute

Molte malattie del gatto possono essere prevenute, almeno così dicono i veterinari.

Ed è quello che dice la Humane Society degli Stati Uniti … molte malattie feline che vediamo comunemente possono essere prevenute.

Come? Prendendo alcune precauzioni.

Il HSUS raccomanda due modi principali per prevenire queste malattie:

Per prima cosa, tieni il gatto in casa.

Secondo, fai vaccinare il tuo gatto secondo il programma prescritto dal veterinario.

Diamo un’occhiata. Qui di sotto ci sono descritti alcune malattie comuni nei gatti, i loro sintomi e le cose da fare per aiutare a prevenirli.

Infezioni respiratorie superiori (URI)

Le infezioni delle alte vie respiratorie nei gatti producono molti sintomi comune al raffreddore negli esseri umani: febbre, naso chiuso e naso che cola, starnuti e diminuzione dell’appetito.

Come le malattie del gatto, tuttavia, gli URI sono molto più pericolosi dei raffreddori negli esseri umani. Se non vengono trattati, possono essere fatali. Questo (insieme ad altre malattie feline contagiose) è il motivo per cui è importante mettere in quarantena nuovi residenti felini per un periodo di tempo.

Quando si introduce un nuovo gatto in casa …

Molti esperti raccomandano che ogni nuovo gatto introdotto nella famiglia debba essere isolato dagli animali domestici esistenti per un periodo di tempo.

Questo è sia per facilitare l’aspetto psicologico della introduzioni, sia per prevenire i problemi di salute legati al trasferimento delle malattie.

Ho sentito vari intervalli di tempo, ma 10 giorni sono spesso citati come il periodo di separazione raccomandato, con introduzione graduale. Leggi di più su come introdure in casa un gatto nuovo.

Leggi anche:  Dovresti nutrire gatti randagi o feroci?

Secondo HSUS, i virus URI sono così contagiosi da poter essere “trasmessi ai gatti attraverso la manipolazione umana e il contatto con altri gatti e con oggetti inanimati come lettiere, ciotole per cibo e strumenti per la toelettatura”.

Sulla base di questo, HSUS raccomanda di separare ogni nuovo gatto dagli altri gatti per almeno tre settimane fino a quando non si è certi di non avere alcun sintomo di infezioni delle vie respiratorie superiori.

Dal momento che gli URI sono altamente contagiosi e comunemente osservati nei gatti che vivono nei rifugi, sii consapevole di ciò, quando si introducono dei gatti salvati ai gatti che hai già a casa.

HSUS raccomanda di mantenere correttezza su le vaccinazioni come il miglior metodo di prevenzione per gli URI. Se il tuo gatto presenta sintomi simili al raffreddore, contatta immediatamente il veterinario.

I gatti selvatici sono i più sospetti di questa malattia, dal momento che non abbiano ricevuto alcuna cura medica preventiva.

Virus della leucemia felina (FeLV)

Il virus della leucemia felina (FeLV) colpisce il sistema immunitario e viene trasmesso attraverso le feci, la saliva e l’urina dei gatti infetti. I sintomi del virus comprendono infezioni, anemia, diminuzione dell’appetito, perdita di peso, varie forme di cancro. È tipicamente fatale e i sintomi dipendono solitamente da quali altre malattie attaccano un gatto infetto.

HSUS raccomanda test e vaccinazione per questa malattia. Dal momento che non esiste una cura, è meglio tenere il gatto in casa e lontano dai gatti infetti.

Peritonite infettiva felina (FIP)

La peritonite infettiva felina (FIP) fiorisce in spazi affollati come rifugi e gattili ed è la principale causa infettiva della morte felina. Esistono due tipi di malattia, umida e secca, che assumono forme diverse. Entrambe le forme, tuttavia, hanno alcuni sintomi comune.

Leggi anche:  Qual è il peso di un gatto sano?

Il modo migliore per impedire al gatto di contrarre questa malattia è quello di tenere il gatto in casa, vaccinarlo secondo il programma stabilito dal veterinario e lontano da animali strani.

Virus dell’immunodeficienza felina (Felino FIV)

Il virus dell’immunodeficienza felina (Feline FIV) è un virus fatale che attacca il sistema immunitario dei gatti infetti e può portare a un completo AIDS felino. Non è lo stesso virus dell’HIV umano e non può essere trasmesso agli umani, ma funziona in modo simile sui gatti infetti.

HSUS raccomanda test e vaccinazione per questa malattia. L’ultimo anilise che c’è sul vaccino, tuttavia, mostra che esso non è efficace al 100%. Mantenere il tuo gatto in casa e non introdurre gatti infetti a casa tua è il miglior metodo di prevenzione.

Panleucopenia felina (Feline Distemper)

La panleucopenia felina (cimurro felino) è una malattia virale altamente contagiosa che HSUS raccomanda di contro vaccinare. I sintomi includono diarrea, vomito e perdita di appetito.

Questa malattia può essere trasmessa attraverso il contatto con varie superfici, tra cui ciotole per cibo, gatti infetti, vestiti, trasportatori di gatti e persone.

Rabbia

Per i padroni dei gatti, la malattia virale mortale che chiamiamo rabbia è una delle malattie più temute. La rabbia è più comune nei gatti rispetto a qualsiasi altro animale domestico.

Negli Stati Uniti, molte aree hanno leggi che richiedono la vaccinazione. La vaccinazione è il modo migliore per impedire al gatto di contrarre questa malattia.

Leggi anche:  10 problemi comuni della salute del gatto

Il rischio di contrarre la rabbia è anche uno degli argomenti più forti per mantenere i gatti in casa.

Inoltre, un animale infetto da rabbia mette gli esseri umani a rischio di essere morsi e infetti.

Dovresti vaccinare il tuo gatto? quando?

C’è una polemica sulla vaccinazione. Alcuni esperti, in particolare veterinari olistici, sono preoccupati che il tipico “programma di vaccinazione annuale” non sia nel miglior interesse del gatto domestico.

Di conseguenza, alcuni veterinari stanno facendo vaccinazioni per molte malattie, una volta ogni tre anni. Dovresti parlare con il tuo veterinario dei benefici e dei rischi della vaccinazione e il programma migliore per il tuo gatto.

Gatti al interno o al aperto?

La Humane Society degli Stati Uniti, l’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA) e praticamente ogni altra organizzazione che ha in mente i gatti, dice che mantenere i gatti in casa è un’idea migliore.

Puoi comunque permettere al tuo gatto di sperimentare la vita all’aria aperta ottenendo un recinto per gatti all’aperto. È possibile acquistare custodie per gatti all’aperto o costruirne una. Ad ogni modo, queste strutture permettono al tuo gatto di vivere un’esperienza all’aperto, ma godono ancora dello stesso tipo di protezione dagli attacchi e dalle malattie che si trova in casa.

Puoi proteggere il tuo gattino da alcune malattie, predatori, automobili e varie malattie trasmissibili mantenendo il gatto in casa e consentendo l’accesso all’esterno tramite custodie sicure e protette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *