Malattia renale nei gatti: tutto ciò che i padroni devono sapere

La malattia renale nei gatti è una delle malattie più comuni che colpiscono i gatti. I reni fanno parte del tratto urinario. Il tratto urinario del gatto è un sistema costituito da reni, ureteri, vescica urinaria e uretra. Questi organi lavorano insieme per produrre, trasportare, immagazzinare ed espellere l’urina. Il compito principale del tratto urinario è quello di liberare il corpo del gatto dai materiali di scarto e controllare il volume e la composizione dei prodotti fluidi corporei. Il termine “renale” è un’altra parola per “rene”.

Una malattia può colpire qualsiasi parte del tratto urinario. Ad esempio, il cancro può svilupparsi nel rene, nell’uretere, nella vescica o nell’uretra. Alcune persone scambiano le malattie di altre parti del tratto urinario per malattie renali e viceversa. I sintomi delle malattie del rene possono essere simili ad altre parti del tratto urinario. È anche possibile avere più di un problema nel tratto urinario come un’infezione nella vescica e nei reni. Di seguito ci concentreremo in particolare sui sintomi della malattia renale.

Segni di malattia renale nei gatti

I segni della malattia renale nei gatti possono variare a seconda del tipo di malattia che colpisce il rene. I segni possono includere:

  • Distensione addominale
  • Dolore addominale
  • Anemia
  • Mal di schiena
  • Sangue nelle urine
  • Diminuzione della produzione di urina
  • Depressione
  • Diarrea
  • Bere eccessivo
  • Minzione eccessiva
  • Minzione frequente
  • Letargo
  • Perdita di appetito
  • Urinazioni maleodoranti
  • Nausea
  • Ulcerazioni orali
  • Minzione dolorosa
  • Infezioni ricorrenti del tratto urinario
  • Sforzamento di urinare
  • Vomito
  • Perdita di peso

Diversi tipi di malattia renale nei gatti

I reni possono sviluppare diversi problemi che includono:

  • Tumori renali – La neoplasia renale è un tumore relativamente raro situato nel rene.  La maggior parte dei tumori renali sono presenti nei gatti di mezza età o anziani. Il linfoma renale è un tipo di tumore più comune nei gatti che sono positivi al virus della leucemia felina. Generalmente, non ci sono cause specifiche per il cancro del rene.
  • Calcoli renali – Una funzione del sistema urinario è la rimozione dei rifiuti corporei in forma liquida. Alcuni rifiuti minerali sono solo leggermente solubili e possono formare cristalli. Se il tempo di transito del movimento cristallino attraverso il sistema urinario è prolungato, i cristalli possono interagire e diventare pietre. Diversi tipi di pietre possono influenzare i gatti. Ogni tipo di pietra è spesso associata alla propria causa specifica. La nefrolitiasi, nota anche come calcoli renali può svilupparsi nei gatti a qualsiasi età.
  • Pyelonephritis – Pyelonephritis è un’infiammazione del rene. In genere ci riferiamo alla pielonefrite come infezione batterica delle vie urinarie superiori che implica qualsiasi parte del rene.
  • Malattie del rene policistico – Questa malattia è causata da una formazione anormale delle cisti nei giovani gatti. È una malattia renale ereditaria lentamente progressiva, irreversibile. È caratterizzata dallo sviluppo di cisti nel rene e talvolta anche dal pancreas, dal fegato e / o dall’utero. In definitiva, la PKD può causare insufficienza renale, con segni clinici simili a quelli dei gatti con insufficienza renale naturale.
  • Malattia renale cronica nei gatti – L’insufficienza renale cronica, comunemente indicata anche come CRF, è un problema comune nei gatti. La digestione del cibo produce prodotti di scarto, che vengono trasportati dal sangue ai reni per essere filtrati ed escreti sotto forma di urina. Quando i reni falliscono, non sono più in grado di rimuovere questi prodotti di scarto e le tossine si accumulano nel sangue producendo segni clinici di malattia renale. Possono essere interessate tutte le razze di qualsiasi età. Tuttavia, i gatti più anziani sono comunemente colpiti in quanto la prevalenza aumenta con l’età.
  • Insufficienza renale acuta nei gatti – L’insufficienza renale acuta (ARF) è caratterizzata da un improvviso declino della funzionalità renale che porta a cambiamenti nella composizione chimica del corpo, incluse alterazioni nell’equilibrio dei fluidi e dei minerali. I cambiamenti che si verificano a seguito di ARF riguardano quasi ogni sistema del corpo. Può essere causato da un’ostruzione urinaria e da varie tossine incluso l’antigelo.
  • Parassiti renali – I parassiti renali sono vermi che invadono il tratto urinario e causano malattie. Alcuni gatti affetti non hanno segni clinici, specialmente con le specie Capillaria. Alcuni gatti possono essere estremamente malati se hanno associato insufficienza renale o grave infezione.
  • Amiloidosi renale (rene) – Questa è una malattia che deriva dalla deposizione anormale di proteine ​​amiloidi in tutto il corpo. L’amiloide deriva dall’incapacità del corpo di abbattere determinate proteine ​​nel corpo. Ciò si traduce in accumulo di cellule amiloidi al di fuori del corpo che si accumula e danneggia le cellule normali.
  • Glomerulonefrite – Si tratta di una malattia renale causata dall’infiammazione del glomerulo, che è la parte microscopica del rene che filtra il sangue. Di solito è causato da immunocomplessi (gruppi di anticorpi e antigeni) che si depositano sui glomeruli, causandone il malfunzionamento. I complessi immunitari si sviluppano secondariamente ad altri processi patologici che avvengono nel corpo del gatto. Non trattata, la glomerulonefrite può portare all’insufficienza renale cronica.
  • Uropatia ostruttiva cronica (idronefrosi) – Si tratta di una malattia causata dall’ostruzione (blocco) dell’uretere (la minuscola struttura tubulare che consente il passaggio dell’urina dal rene alla vescica urinaria) che si traduce in distensione (ingrossamento) della pelvi ( all’interno) del rene con urina. Questo può portare a insufficienza renale.
Leggi anche:  I gatti possono essere vegani?

Diagnosi della malattia renale nei gatti

I test diagnostici possono essere raccomandati caso per caso. La diagnosi di malattia renale nei gatti viene spesso effettuata con i seguenti test diagnostici:

  • Completa storia medica
  • Esame fisico completo
  • Un’analisi biochimica (test del profilo biochimico), come la creatinina sierica e le concentrazioni di BUN, sono tipicamente elevate con CRF.
  • Le concentrazioni di fosforo sierico e potassio possono anche essere aumentate.
  • Può essere eseguito un emocromo completo (emocromo; CBC) per valutare i segni di infezione, infiammazione, anemia o anomalie piastriniche.
  • I test di analisi delle urine possono mostrare un basso peso specifico, che è comune con CRF, segni di infezione, proteine ​​urinarie anomale o sedimenti possono indicare infezioni o malattie o parassiti glomerulari.
  • La coltura di urina deve essere eseguita per valutare la presenza di infezione del tratto urinario superiore o inferiore.
  • Le radiografie addominali (raggi X) possono mostrare piccole dimensioni renali, che è comune con CRF, ma la dimensione renale normale non esclude il CRF.
  • Alcune malattie renali croniche nei gatti possono essere associate a reni ingrossati (ad esempio malattia renale policistica, linfoma renale).
  • Ecografia renale – può fornire ulteriori informazioni sui reni. I reni con malattie croniche sono in genere di piccole dimensioni e talvolta di forma irregolare. I reni di grandi dimensioni possono indicare una malattia renale policistica, un cancro o una malattia renale acuta.
  • Rapporto proteine ​​/ creatinina delle urine – questo è utile per valutare la perdita di proteine ​​urinarie nei gatti con sospetta malattia glomerulare.
  • La pressione arteriosa può essere necessaria per determinare la presenza di ipertensione complicante (pressione alta).
  • L’urografia escretoria può essere utile nella valutazione delle anomalie in termini di dimensioni, forma o posizione renale. Può anche essere utile nel rilevamento di ostruzione, cancro o calcoli.
  • L’analisi del gas ematico consentirà la valutazione dei livelli acido-base.
  • I test sierologici anticorpali di Leptospira possono essere necessari per diagnosticare questa infezione.
  • Un’aspirazione con ago sottile (biopsia) del rene può essere utile in caso di alcuni gatti con malattie renali (ad esempio linfoma renale, nefrite interstiziale granulomatosa).
  • La endogena o esogena della creatinina può essere utilizzata per misurare la velocità di filtrazione glomerulare nei gatti con normale lavoro ematico, sospettati di avere una malattia renale.
  • L’escrezione frazionata di elettroliti (sodio, potassio, cloruro e fosforo) può essere utile nella valutazione di animali con sospetti disordini tubulari renali.
  • È possibile utilizzare spazi radioisotopi per determinare la filtrazione renale e il flusso sanguigno.
  • Simmetric Dimethylarginine (SMDA) Blood Testing – SMDA è un test per cercare una proteina del sangue che è nota per aumentare quando la funzionalità renale diminuisce. Comincerà ad aumentare prima della creatinina del sangue.
Leggi anche:  Incidente vascolare cerebrale nei gatti
Gatto.vet is a participant in the Amazon Services LLC Associates Program, an affiliate advertising program designed to provide a means for sites to earn advertising fees by advertising and linking to Amazon.it. Me, the owner of this website will earn comission from users that click on links heading to Amazon.it. Amazon, the Amazon logo, AmazonSupply, and the AmazonSupply logo are trademarks of Amazon.it, Inc. or its affiliates.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *