Dovresti mai provare di prendere un gatto randagio?

Se stai pensando di prendere un gatto randagio, ci sono molte cose che dovresti tenere a mente. Prima di tutto, devi determinare se il gatto è randagio o selvaggio. Un gatto randagio è un gatto che viene perso o separato dal suo proprietario, o che è stato abbandonato dal suo padrone. Un gatto randagio è socializzato alla compagnia umana. Un gatto selvatico è un gatto che vive all’aperto in una colonia di gatti selvatici. Questi gatti si nasconderanno ed eviteranno il contatto umano. Essi non possono essere addomesticati. (Non dovresti mai provare a prendere un gatto selvatico.)

Adottare un gatto randagio è una grande decisione. Non è così facile come semplicemente aprire la porta e il cuore al nuovo gatto. Ecco alcune cose da considerare.

  • Dal momento che il gatto vive all’aperto, molto probabilmente ha le pulci, le zecche e altri parassiti che hanno raccolto durante il vagabondaggio in natura.
  • Il gatto potrebbe essere in ritardo per il vermifugo e le vaccinazioni.
  • Se il randagio è un gatto maschio, probabilmente vorrete farlo castrare prima di portarlo a casa o permettergli di continuare a vagare per la vostra proprietà.
  • Se il gatto ha vissuto all’aperto per qualche tempo, potrebbe essere necessario reintrodurlo alla vita da animale domestico. Dovrai insegnargli a usare la lettiera e non a grattarsi con i suoi artigli.
  • Se stai prendendo un gatto randagio, inizia con un viaggio dal veterinario.
  • Dovrai anche socializzare il gatto con altri gatti, animali domestici o persone in casa.
Leggi anche:  Cosa dovresti sapere sui vermi nei gatti

Un gatto randagio è un gatto che è stato vecino alle persone ad un certo punto della loro vita, ma ha lasciato o ha perso la sua casa – e il contatto umano. Vivendo all’aperto, un gatto randagio ha più probabilità di vivere da solo che in una colonia di altri gatti. In molti casi, un gatto randagio può diventare nuovamente un gatto domestico. I gatti randagi che vengono reintrodotti in un ambiente domestico dopo aver vissuto all’aperto possono richiedere un periodo di tempo per riaccostarsi. Possono essere spaventati e diffidenti dopo aver passato del tempo fuori lontano dagli umani, ma possono riadattarsi a vivere con gli umani e possono essere adottati come compagni.

D’altra parte, un gatto selvatico è un gatto che non ha mai avuto alcun contatto con gli umani – o il loro contatto con gli umani è diminuito nel tempo. Un gatto selvatico ha più probabilità di vivere in una colonia di gatti. Un gatto selvatico ha paura delle persone e sopravvive da solo. È molto improbabile che un gatto selvatico sia mai addomesticato e non può essere adottato. Tuttavia, i gattini nati da gatti selvatici possono essere socializzati in tenera età e adottati nelle case.

Leggi anche:  La vitamina C per i gatti è una buona cosa?

Se stai pensando di prendere un gatto randagio, il primo passo è quello di intrappolarlo. Valutare il comportamento del gatto per determinare se si tratta di un randagio o se si tratta di un gatto selvatico. Un gatto selvatico non può essere toccato, nemmeno da un custode. Probabilmente si sposterà il più indietro possibile nella gabbia e apparirà teso. Quando intrappolato, un gatto selvatico ignorerà probabilmente tutte le persone, i giocattoli e forse anche il cibo.

Se si determina che il gatto è selvaggio, è necessario contattare un’organizzazione locale per Trap-Neuter-Return (TNR). Sterilizzeranno o neutralizzeranno il gatto, lo vaccineranno e lo restituiranno alla sua casa all’aperto. Per saperne di più su questo processo, vai a Cos’è un gatto selvatico?

Se il gatto è un randagio, dovresti iniziare con una visita dal tuo veterinario. Per prima cosa, fai scansionare il gatto per un microchip. Potrebbe essere che ha una famiglia che lo sta cercando e vuole che torni a casa. Se non riesci a trovare il proprietario, puoi scegliere di adottare il gatto. Chiedi al veterinario di dargli eventuali trattamenti o vaccinazioni necessari prima di portarlo a casa tua. Se hai già un gatto o altri animali domestici, il nuovo gatto dovrà essere acclimatato a casa. Per saperne di più, vai su Come acclimatare un gatto in una nuova casa?.

Leggi anche:  26 consigli per la cura del gatto che ogni "genitore" dovrebbe sapere

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[yuzo_related]