Dovresti nutrire gatti randagi o feroci?

Dovresti nutrire gatti randagi o selvatici? Questa è una buona domanda, ma la risposta non è sempre in bianco e nero. In alcune aree ci sono leggi e ordinanze sull’alimentazione di gatti randagi o selvatici.

Prima di decidere se nutrire o meno il gatto, è importante notare che esistono differenze tra gatti randagi e gatti selvatici. Un gatto randagio è un gatto che in precedenza aveva una casa. Il gatto è uscito, si è perso, o è stato abbandonato. I gatti randagi hanno familiarità con gli umani e possono essere amichevoli. Un gatto selvatico invece è uno che non ha mai avuto una casa. Esso è più probabile nato e cresciuto da una colonia selvaggia. I gatti selvatici avranno familiarità con delle persone come qualcosa di cui diffidarsi e come una potenziale fonte di cibo.

I gatti randagi possono essere amichevoli e avvicinarsi a te per cibo o attenzione anche se possono essere troppo spaventati. Tuttavia, se metti giù il cibo per loro, di solito mangeranno immediatamente. Dovresti sempre fare attenzione poiché non sai come reagiranno.

I gatti selvatici possono avvicinarsi quando sono estremamente affamati, ma mangeranno il cibo che gli hai dato solo una volta che te ne sei andato. Se hai dato da mangiare a un gatto per diversi giorni e non puoi ancora avvicinarti o toccare il gatto, probabilmente è selvaggio. Non cercare di gestire un gatto selvatico. La maggior parte dei gatti selvatici non possono essere adottati perché sono semplicemente troppo spaventati dalle persone.

Leggi anche:  Rimedi naturali contro le pulci dei gatti

Nutrire un gatto randagio ha i suoi pro e contro. Se decidi di nutrire un gatto randagio, hai un sacco di opzioni. Probabilmente apprezzerebbero il cibo per gatti secco o in scatola o qualche gustoso tonno. Inoltre, dai al gatto molta acqua fresca.

Cosa fare con un gatto randagio

Se hai trovato un gatto randagio, hai molte opzioni.

  • Puoi decidere di tenere il gatto, il che richiederà cure veterinarie appropriate.
  • Puoi  farli Trap-Neuter-Return (TNR)e lasciarlo nel suo luogo vivere ulteriormente. Ciò assicurerà che il gatto non possa contribuire alla popolazione dei gatti randagi e selvaggi in continua espansione.
  • Puoi trovare una casa adatta per il gatto. Potresti avere più possibilita a reinserire il gatto dopo averlo sottoposta ai vaccini, sverminazione, trattamento delle pulci e sterilizzazione.
  • Puoi portare il gatto in un rifugio o Humane Society, dove verrà posto in adozione.

Se trovi un gatto randagio o selvatico, è una buona idea contattare i rifugi locali nella tua zona. Se non possono o non vogliono rispondere alla tua situazione, cerca gruppi che gestiscono popolazioni di gatti selvatici. Se nessuna di queste risorse è disponibile per te, potresti decidere di voler gestire la tua colonia selvatica.

Leggi anche:  Gatto da colorare

Se decidi di nutrire un gatto randagio o selvatico sulla tua proprietà, mentre ne sei in possesso di un gatto o di più, esso potrebbe potenzialmente sconvolgere il tuo gatto. Nutrendo il gatto randagio, stai essenzialmente invitando un intruso nel territorio del tuo gatto e li dai buoni motivi per continuare a tornare. Dovresti considerare l’impatto che l’alimentazione di un randagio avrà sulla felicità del tuo gatto prima di decidere di dargli da mangiare. Se il tuo gatto sembra non essere infastidito dal gatto randagio, potrebbe non rappresentare un problema simile.

Per saperne di più sui gatti randagi, leggi l’articolo Ospiti a sorpresa: cosa fare con un gatto randagio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *