Allevamento dei Gatti Norvegesi

I gatti norvegesi o cioè i gatti delle foreste norvegesi  sono una razza “naturale”, nel senso che si sono evoluti nel tempo attraverso la selezione naturale e non attraverso programmi di allevamento guidati dall’uomo.

Una delle leggende riguardo a questa razza, raconta di un gatto nella foresta che appare e scompare dentro e fuori dagli alberi come per magia.  Più delle volte ciò che può essere visto è solo la lunga e folta coda pelosa. Questo bellissimo gatto con la coda adorabile e insolita è il gatto della foresta norvegese.

I gatti norvegesi hanno cappotti molto densi e impermeabili per proteggerli dalle condizioni meteorologiche spesso rigide. Questo cappotto, insieme ai loro corpi grandi e muscolosi e alla coda piena e sinuosa, è ciò che dà loro l’aspetto “selvaggio” che li rende così preferiti dai proprietari di animali domestici.

Un altra bella leggenda tratta che lo skogcatt – una parola norvegese che si traduce come “gatto della foresta” – sopravvisse un rigido inverno offrendo i suoi servizi come mouser (catturando i topi) agli agricoltori e alle casalinghe in cambio di un riparo nelle stalle o case. L’inverno finì e il gatto, che si rivelò essere una femmina, rimase nella casa di un contadino, ponendo così fine all’addomesticamento di questa specie.

Come ci prendiamo cura di questo gatto magico? E quali sono le sue caratteristiche rilevanti?

Allevamento: Il norvegese è una razza grande e l’abbondanza di pelliccia la fa sembrare ancora più grande. Spazzolare o pettinare il lungo cappotto del gatto della foresta norvegese una o due volte alla settimana è una delle principale cure che il proprietario si debba prendere. Si consiglia di usare una spazzola a setole, una spazzola a filo metallico o un pettine in acciaio inossidabile. Se si incontreranno grovigli, saranno elaborati delicatamente in modo da non ferire il gatto. Raramente è necessario un bagno, il che è positivo. Con un cappotto praticamente impermeabile, può essere molto difficile bagnarlo abbastanza per un bagno.

Leggi anche:  Malattia di Cushing nei gatti

Un altro fatto da includere nel processo della cura del gatto norvegese è il lavaggio dei denti per prevenire la malattia parodontale. L’igiene dentale quotidiana è la cosa migliore, ma la spazzolatura settimanale è meglio di niente. Ogni giorno si pulirà gli angoli degli occhi con un panno morbido e umido per rimuovere eventuali perdite. Usare un’area separata del panno per ciascun occhio in modo da non correre il rischio di diffondere qualsiasi infezione. Si controllerà le orecchie settimanalmente e se sembreranno sporchi, si pulirà con un batuffolo di cotone o un panno morbido inumidito con una miscela 50-50 di aceto di sidro e acqua calda. Evitare l’uso di bastoncini di cotone, che possono danneggiare l’interno dell’orecchio.

È fondamentale di mantenere la lettiera perfettamente pulita. Come tutti i gatti, i norvegesi sono molto particolari sull’igiene del bagno. Una lettiera pulita aiuterà a mantenere pulita anche la pelliccia.

Per sfuggire alle  malattie diffuse da altri gatti, dagli attacchi di cani o coyote e dagli altri pericoli che i gatti devono affrontare mentre vanno all’aperto (come essere investiti da un’auto oppure essere rubati da qualcuno che vorrebbe avere un gatto così insolito senza pagarlo) si potrebbe costruire un grande recinto esterno dove il tuo gatto norvegese possa godere degli elementi in sicurezza.

Leggi anche:  Gatto sacro di Birmania

Caratteristiche fisiche: Il gatto norvegese della foresta è un gatto grande, muscoloso, fortemente disossato, molto ricoperto. (I maschi possono pesare 4,5-7,5 kg e le femmine 3,5-5,5 kg).

Hanno una testa triangolare, appoggiata su un collo spesso e muscoloso. Le orecchie sono di medie dimensioni e il mento è forte, ma leggermente arrotondato. Gli occhi grandi a forma di mandorla sono verdi, dorati o ramati, sebbene i gatti bianchi possano avere occhi blu o strani (un occhio blu e un occhio di un altro colore). Le zampe del norvegese sono grandi e rotondi e hanno la pelliccia tra le dita. Quelli posteriori sono leggermente più alte di quelle anteriori.

Il pelo è lungo e spesso. Questo cappotto offriva protezione naturale alla razza quando viveva effettivamente nella foresta. Il cappotto ha una sensazione setosa e la lunghezza del cappotto varia ampiamente con la stagione. È disponibile in quasi tutti i colori e motivi, con o senza bianco, con le eccezioni di cioccolato, lavanda o lilla o un motivo a punta come quello del siamese.

Personalità: Il gatto delle foreste norvegese è un gatto dolce e amorevole. Apprezza gli elogi e ama interagire con i suoi padroni. Un po ‘timidi con le persone nuove, ma anche molto amichevoli e socievoli dopo aver conquistato la loro fiducia. Una volta a loro agio, godono della compagnia umana e prosperano in un ambiente familiare. Vanno d’accordo anche con altri animali domestici e bambini, anche i più piccoli.

Leggi anche:  La personalità del gatto giusto per il tuo stile di vita

I gatti delle foreste norvegesi maturano molto lentamente, impiegando circa cinque anni per raggiungere la piena età adulta, il che significa che mantengono una natura da gattino molto più a lungo rispetto alle altre razze di gatti e amano giocare. Tuttavia, tutto questo gioco affina naturalmente con la loro eredità – le loro abilità di caccia. Con il loro spesso mantello per tenerli al caldo, adorano vagare ed esplorare fuori, e probabilmente ti porteranno occasionalmente qualche “regalo”. Se vivi in campagna, questo potrebbe includere anche i pesci del ruscello locale, poiché i norvegesi non sono rimandati da un po ‘d’acqua! Amano anche arrampicarsi, non solo all’aperto ma anche a casa, e spesso li troverai appollaiati su uno scaffale o un armadio, guardando in basso il loro regno per assicurarsi che tutto vada bene.

Un gatto delle foreste norvegesi, può essere un gatto giusto per te?

Prima di decidere, ricorda il seguito: Il gatto delle foreste norvegesi è bello, robusto, giocoso, intelligente e relativamente a bassa manutenzione. Si adatta facilmente alla vita familiare, va d’accordo con i bambini e altri animali domestici, compresi i cani, ma possono stare anche da soli. Essendo una razza naturale, sviluppata per la caccia e l’esplorazione, sono più felici quando hanno un accesso sicuro ai grandi spazi aperti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *